DOC Award seconda edizione, ecco i migliori della squadra
DOC Award seconda edizione, ecco i migliori della squadra

DOC Award seconda edizione, ecco i migliori della squadra

04/12/2023

È quanto meno inusuale che un partner si candidi a sostenere economicamente un’operazione prima ancora che gli venga richiesto. Succede all’evento organizzato da DOC al Castello di Casiglio, un ibrido riuscito tra la cena di Natale con la squadra – ci sono i promoter e i logistici oltre che la segreteria al completo – e un incontro di lavoro con le aziende partner.
Nel presentare gli ambiziosi obiettivi per il 2024, che il presidente del consorzio Lorenzo Cogliati fissa ad “almeno 75 milioni di euro di fatturato trasportato, dal momento che chiuderemo quest’anno intorno ai 63,5”, un’attenzione particolare è riservata all’operazione DOC Cashback: “La fase test e l’edizione 2023 che si sta concludendo ci dicono che questo sistema di incentivazione che rimette nelle tasche degli autoriparatori l’1 per cento del loro fatturato ricambi piace. Ecco perché abbiamo deciso di proporlo anche l’anno prossimo con una sola variazione dei requisiti per partecipare: più 15 per cento del fatturato ricambi originali rispetto al 2023, base di partenza 15mila euro, acquisti presso almeno cinque tra concessionarie e, ecco la novità, partner DOC”.
Partner che “hanno capito la potenza di DOC Cashback”, sottolinea Cogliati, “e sono pronti a sostenerlo. Mi ha fatto davvero piacere incontrarli questa sera: si vede che sono a bordo, si vede che sono veri partner”.

La serata ha visto anche il debutto ufficiale di Giampietro Valerio, District Manager da un mese e mezzo dopo una lunga carriera nell’alta moda. Non è un caso che Valerio metta in luce “la grande concretezza di questo settore che, forse, ha bisogno di un po’ più di eleganza. In DOC ho trovato tutte persone di valore, con delle potenzialità che devono solo essere tirate fuori e amplificate”. Giampietro Valerio è convinto che logistici e promoter vadano “ingaggiati sulla parte comunicativa che li lega al cliente, è quella che può fare la differenza”.

Lo testimoniano con altre parole, ma il concetto non cambia, Alessandro Franzini, Michele Grieco e Giovanni Ghislanzoni, rispettivamente miglior logistico, miglior promoter e promoter più flessibile della seconda edizione di DOC Award (l’anno scorso, ricorderete, DOC Award aveva incoronato Filippo Brivio miglior promoter e Paolo Rampoldi miglior logistico). Dalle considerazioni di tutti e tre emerge forte il rapporto con il ‘loro’ meccanico, con il ‘loro’ carrozziere.

“Noi autisti siamo il primo contatto, vedono in noi un servizio che funziona”, spiega Alessandro Franzini, in DOC dal 2006 e “felicemente sorpreso per questo premio. Le mie qualità? Cerco di essere di aiuto in caso di necessità, di essere preciso nel ritiro dei resi, che è sempre una cosa delicata da gestire, e di dare una mano ai promoter conoscendo i problemi che possono incontrare nel loro lavoro”.

Chiamato indirettamente in causa Michele Grieco, entrato in DOC come logistico nel 2010, promoter da sei anni, scherza sulle “telefonate che ogni tanto ricevo: tre-quattro minuti dove io non apro bocca mentre loro me ne dicono di tutti i colori; dopo un po’ senti scusa se mi sfogo con te ma ne avevo bisogno… Ci sta. Poi vai a trovarli, bevi il caffè insieme, li aiuti a preparare un preventivo o un ordine… A me piace seguire il cliente a 360 gradi, soprattutto nella gestione di ARiA. Che cosa mi diranno i colleghi da domani per questo premio? MI prenderanno in giro un po’ di più, abbiamo un bel rapporto”.

E poi c’è il promoter più flessibile, un altro modo di definire la disponibilità a indossare i panni del logistico: “Quando occorre, si sale sul furgone e si va a consegnare i ricambi. La Valtellina è una zona un po’ isolata, sarebbe più complicato organizzare una sostituzione. I clienti li conosco tutti, fare il logistico non è un problema. Certo, 3 o 400 chilometri su una strada statale, con tantissime problematiche legate al traffico…”. Comunque Giovanni Ghislanzoni, in forza al consorzio da quattro anni, assicura che “la pazienza non la perdo. Gentilezza, cura, empatia sono un aspetto del lavoro, è vero che il cliente compra ma stiamo andando a casa sua, essere educati fa parte del servizio”.

Un servizio di prima necessità che DOC Ricambi Originali assicura dal 2004. “Per il nostro ventennale”, anticipa il presidente Cogliati, “stiamo organizzando per l’11 maggio al centro LarioFiere un grande evento che coinvolgerà tutta la rete: concessionari, autoriparatori, partner e naturalmente la squadra operativa”. Un’anticipazione? “Si chiamerà Grand Prix”. Hai detto niente…

Categorie

Ultimi Articoli

buy twitter accounts
Buy twitter accounts
betoffice
betoffice