Asconauto

Calogero Pedalà (L'Auto), "in Cina con grandi professionisti"

La curiosità è la molla che ha spinto Calogero Pedalà, titolare della concessionaria ‘L’Auto’ di Como e Cantù, a partecipare ad Auto Aftermarket Guangzhou, l’Autopromotec cinese. Il dealer Audi-Volkswagen ha accolto il suggerimento del presidente Doc Boiani di andare a vedere che cosa c’è dall’altra parte del mondo.

“Ci sono andato per curiosità e poi perché ero sicuro di scoprire una realtà completamente diversa dalla nostra. Non era la mia prima volta in Cina, ero già stato a Shanghai 15 anni fa, ed è indubbio che corrono più di noi, noi siamo un po’ più vecchi, siamo vecchia Europa”.

Da imprenditore, e dopo aver visitato stabilimenti di norma chiusi al pubblico come la GAC NE, che produce veicoli elettrici, “pensare di importare dalla Cina mi sembra una forzatura; è invece realistico ipotizzare uno scambio di tecnologie”.

Sullo specifico tema dei ricambi, il concessionario canturino ritiene che “ci sarà sempre il business dei ricambi, ma una parte del business l’elettrico lo modificherà di sicuro”. Così come “è evidente che ci sarà un’accelerazione, ma noi Italiani abbiamo tanta fantasia, siamo molto bravi a reagire, non staremo con le mani in mano. Ne verremo fuori”.

Pedalà è rimasto colpito dall’accoglienza: “Mi ha fatto veramente una buona impressione. Siamo stati accolti bene, quasi fossimo dei loro. Gente saggia”. Parole di elogio anche per i colleghi in trasferta: “È stato un piacere stare con loro, speriamo che ce ne siano ancora, di occasioni”. Dove “loro” sta per “Massimo, Tarcisio, Marco (rispettivamente Mancini di City Motors, Riva di Rivauto, Clerici di Clerici Auto, NdA) e Moreno Seveso, grande manager; Moreno ha un’esperienza diversa da quella del concessionario, avendo collaborato con le Case è stata la persona giusta al posto giusto. Bel gruppo, grandi professionisti”.