Asconauto

Erba, nuova sede ‘ecologica’ per Motor Fratelli Canali

Non è uno da starsene con le mani in mano, Andrea Canali. Non lo faceva quando “ero piccolo e giocavo a cambiare le ruote al mio trattorino”, non lo ha fatto “durante il lockdown di primavera, quando la gente non poteva muoversi e mi muovevo io con il mio furgone attrezzato come officina mobile”. Motor Fratelli Canali di Erba (Co) lo rispecchia in pieno.

40 anni quest’anno, un bel traguardo…
È stata fondata nel 1980 da mio padre Carlo e mio zio Claudio, i Fratelli Canali della ragione sociale. Io sono arrivato nel 2006, a 24 anni, e quando papà è mancato ho rilevato le sue quote.
L’anno scorso abbiamo inaugurato la nuova sede, sempre a Erba, un capannone con vendita e assistenza di 600 metri quadrati coperti su due piani dove lavoriamo in sei. L’abbiamo costruito da zero come volevamo noi, orientandoci sull’ecologico: Gpl e metano, non ancora sull’elettrico perché il mio socio è restio.
Oltre all’officina abbiamo un distributore Gpl e metano che abbiamo aperto nel 2010 (ma l’autorizzazione all’installazione l’avevamo avuta già nel 1999), una decisione felice anche perché non ce ne sono altri nella zona.

Come chiude il 2020 rispetto all’anno scorso?
In pareggio. In confronto a tanti colleghi, il calo l’abbiamo avuto solo in queste settimane e durante il lockdown di marzo, quando la gente non si poteva muovere. Ma mi sono mosso io con il mio furgone attrezzato come officina mobile.
I dipendenti erano in cassa integrazione, io facevo quel che potevo, di sicuro non stavo con le mani in mano. Non mi lamento di questa situazione perché la nostra categoria è una delle meno penalizzate.

Motor Fratelli Canali che servizi offre?
Meccanica, gomme, elettrauto, ricarica aria condizionata… Aspettiamo le ibride, e intanto ci siamo preparati facendo corsi e acquistando attrezzature adeguate.
Oggi la riparazione di impianti Gpl incide per un 30 per cento, il 70 è meccanica tradizionale. Entra un po’ di tutto: se guardo adesso in officina vedo macchine del Gruppo Fiat (Gpl e metano), BMW, Audi, Volkswagen, Dodge e Chevrolet. Siamo multimarca vero, non abbiamo autorizzazioni e credo proprio che non ne vorrò nemmeno in futuro.

No anche alle compagnie di noleggio?
Quello delle flotte è un mondo in cui mi piacerebbe entrare, ma mio zio non è tanto per la quale, rischi di dover litigare per la qualità della riparazione.
Parliamo di un semplice tagliando: a qualche cliente che dice che i prezzi troppo alti rispondo che io i pezzi da sostituire li sostituisco davvero…

A proposito di ricambi: qual è la politica Canali?
Valuto il cliente e soprattutto valuto la macchina: se è messa male cerco di fare spendere il meno possibile.
La qualità di un ricambio originale è superiore a quella di uno di concorrenza - mi sono giusto lamentato con un ricambista che mi ha portato tre pompe dell’acqua e tre perdevano - ma non sempre può essere la prima scelta.
Io non mando via nessuno, nemmeno chi si presenta in officina con il pezzo comprato in internet: faccio pagare la mano d’opera maggiorata e sul ricambio non do garanzie.

Da dove arrivano i suoi clienti?
Per la meccanica dalla zona, per Gpl e metano il raggio si allunga a 100 chilometri. E ho clienti anche dalla Germania! Dicono che vengono da noi per l’educazione, la gentilezza e poi la competenza, soprattutto sugli impianti Gpl. Qualcuno arriva da brutte esperienze…

Del servizio Doc è soddisfatto?
Da che mi ricordo io, siamo clienti da sempre. Sul servizio nulla da ridire, si farebbe peccato a parlar male. E Fabrizio, l’autista che ci porta i ricambi due volte al giorno, è fantastico, mi è venuto incontro più di una volta.

Come ordina i ricambi?
Ultimamente sto usando parecchio ARiA, anche se qualche volta mi mancano delle informazioni e devo contattare il magazzino. Con le concessionarie, comunque, vado benissimo anche perché, lavorando sul Gpl, più di una mi porta le macchine a gas da riparare.

Un desiderio per il 2021?
Sarebbe interessante creare un’associazione di meccanici, ma puoi farlo solo con i giovani. Darci una mano, scambiare le informazioni… Vivi e lascia vivere, dobbiamo lavorare tutti.